Il massaggiatore

Approfondisci

Sono Matteo un ragazzo single vivo ormai da un po’ di anni a Roma, da sempre desideroso di realizzare le miei fantasie sessuali.

Tutto ebbe inizio circa dieci anni fa quando appena ventunenne mi trasferì a Roma per lavoro sono un militare nonostante la mia giovane età avevo una vita economica molto soddisfacente non mi mancava niente ma cera qualcosa nella mia vita che non mi appagava era a livello sessuale volevo qualcosa di più che mi soddisfasse sia fisicamente che mentalmente, fu cosi che un giorno decisi di pubblicare degli annunci su vari siti di incontri e siti di massaggi Massaggi erotici, offrendomi come massaggiatore privato.

Ho sempre amato fare e riceve massaggi certo non ero una persona qualificata ma mi dilettavo di tanto in tanto, attrezzai una stanzetta del mio appartamento facendola diventare la stessa del relax.

Quando pubblicai l’annuncio non avrei mai pensato di essere contatto da molte persone, poco dopo a telefonarmi fu un uomo su una quarantina di anni dicendomi che aveva letto l’annuncio e che era interessato a fare una sorpresa alla moglie regalandogli un trattamento di massaggi che gli avrebbe dato sollievo e soprattutto benessere.

Ci accordammo per il pomeriggio cosi inizia a preparare la stanza la meglio accesi delle candele e degli incensi profumati, preparai gli oli e lubrificanti, misi della musica rilassante.

Nel primo pomeriggio passò a trovarmi prima il marito della signora per accordarci sulla sorpresa da fargli, una volta accordati andò via.

Un paio d’ore dopo telefonai alla signora che con una scusa la feci venire a casa, quando mi suonarono alla porta andai ad aprire e mi si presentò questa signora su una quarantina d’anni vestita in un modo elegante la feci entrare ci presentammo lei si chiamava Sara, parlammo per qualche minuto per sciogliere quel piccolo imbarazzo che si creò cercando di metterla al proprio agio.

Una volta presentati le chiese di prepararsi le consegnai il kit per effettuare il massaggio le spiegai che si doveva spogliare e indossare l’intimo usa e getta, avvolgersi nell’asciugamano che gli avevo dato e stendersi sul lettino, cosa che lei fece con molta disponibilità.

L’ambiente nella stanza che avevo preparato per Sara si presentava molto elegante e rilassante lei entrò e si adagio sul lettino il tutto era molto professionale a quel punto presi l’olio caldo e inizia a massaggiarli il collo lentamente con dei movimenti profondi ma molto delicati a mano a mano che procedevo vedo che si rilassava sempre di più era gratificata di ciò che le stavo facendo scendevo lentamente dalle spalle alla schiena e poi mi dedicai al un rilassante massaggio a piedi che lei apprezzo molto, provavo molta eccitazione pensando a ciò che sarebbe potuto accadere più avanti ma continuai il massaggio con molta tranquillità.

Dai piedi ai polpacci fin su alle cosce per poi ad arrivare a massaggiare i glutei dove li inizia un massaggio molto più lento e stimolante, di tanto in tanto chiedevo a Sara come si sentiva era talmente rilassata ed iniziava anche ad essere eccitata che non mi dava delle vere e proprie risposte ma mi rispondeva con dei mugolii che avevano il potere di eccitarmi ancora di più.

Continuavo ad accarezzare il suo splendido corpo fino a quando no le chiesi di girarsi, aveva due spenditi seni alti e sodi mi appoggia leggermente al suo seno per massaggiarlo lo feci un po’ con malizia e lei acconsentì al gioco, subiti si accolse della mia erezione ma fece finta di niente e lo feci anch’io.

Mentre continuavo a praticarle il massaggio Sara cercò con le mani di abbassarmi quei leggeri pantaloni che indossavo voleva verificare che ciò che aveva sentito prima sul suo seno era tutto vero.

Con molta malizia mi fece i complimenti dicendomi che quella era la prima volta che ne vedeva uno così grande quelle sue parole mi fecero letteralmente eccitare e che tirai fuori e lei non esito ad assaggiarlo, lo fece scomparire tutto nella sua bocca sembrava che non vedesse l’ora era ingorda del mio attrezzo.

Inizia a ricambiare il favore leccandole tutta la fighetta che era già bagnata di piacere stavo aspettando quel momento da tempo, il mio trattamento di lingua fu molto gradito da lei che gemeva tantissimo, lei inizio a chiedermi di scoparla non riuscivo a crede alle mie orecchie e non me lo feci ripetere due volete la penetrai quelle parole di eccitamento mi stimolavano tantissimo sentendomi in estasi.

È stata una esperienza bellissima per entrambi che si è ripetuta diverse volte ovviamente sempre con il marito partecipe che amava farsi raccontare da me quello che succedeva con la moglie.